Dinoflagellati nell'acquario marino. Cosa sono e come combatterli

Dinoflagellati, cosa sono

I dinoflagellati o anche comunemente chiamati da noi acquariofili “Dino”, fanno parte della comunità del plancton, sono organismi protisti (organismi unicellulari) che non rientrano nei tre regni naturali: animali, piante o funghi, con capacità di muoversi con movimenti rotatori. Tutti i dinoflagellati hanno la caratteristica comune di avere due flagelli situati ad angolo retto che consentono loro di compiere un tale movimento rotatorio che li rende facilmente riconoscibili (sebbene alcune specie come il genere symbiodinium siano praticamente immobili). Sono note circa 2.400 specie che hanno una dimensione molto variabile che va da 20 e 300 µm (millesimi di millimetro) nelle più comuni e fino a 2 mm nel caso di specie come la noctiluca. Nell'acquario marino le specie sono solitamente più piccole come symbiodinium e Amphidinium, mentre alcune come l’ostreopsis sono grandi e possono essere viste senza microscopio (con buona illuminazione e acuta vista).

I dinoflagellati sono organismi presenti in qualsiasi acquario, infatti sono necessari per un buon funzionamento. Costituiscono una parte importante del primo passo della catena alimentare, quindi se usiamo un microscopio li troveremo in misura maggiore o minore. Abbiamo anche dinoflagellati famosi come la zooxantella, presente in simbiosi nella maggior parte dei coralli. Il problema sorge quando le condizioni nell'acquario rompono l'equilibrio biologico e alcune specie dinoflagellate si diffondono in modo incontrollato, soffocando il resto degli abitanti dell'acquario. Se le specie dinoflagellate in questione hanno la capacità di produrre tossine (usuali in ostreopsis, gambierdiscus e prorocentrum per citarne alcune), allora possiamo prepararci per un disastro. Nessuna specie di dinoflagellate, inclusa la temuta ostreopsis, dovrebbe essere motivo di preoccupazione ogni volta che seguiamo alcune linee guida di base per garantire l'equilibrio biologico dell'acquario. Il problema nasce spesso quando si cerca di portare la pulizia al limite estremo, in modo da migliorarne l'aspetto e il colore dei coralli indicendo così ad avere una vasca “magra “cioè priva di nutrienti. Come commentato sopra, non tutti i dinoflagellati sono cattivi, alcuni sono buoni e persino necessari. Una caratteristica comune a questi organismi è la loro straordinaria capacità riproduttiva, che può trasformare in poche ore anche i più benefici di un bellissimo acquario in un'orrenda palude. Possiamo classificarli in due gruppi funzionali: autotrofi ed eterotrofi:

Dinoflagellati autotrofi

Sono quelli di cui dovremmo preoccuparci perché non dipendono da fonti organiche esterne per prosperare. Sono organismi fotosintetici in grado di produrre il proprio cibo anche quando hanno a malapena nitrati e fosfati inorganici. I loro principali vantaggi sono la loro enorme resistenza a situazioni estreme, oltre alla loro capacità riproduttiva. Tendono a manifestarsi all'improvviso quando l'acqua dell'acquario raggiunge una pulizia straordinaria, in cui la maggior parte dei microrganismi muore per mancanza di cibo. Senza altri organismi in grado di fermarli, questo tipo di dinoflagellate può moltiplicarsi così velocemente che quando ci accorgeremo sarà ormai troppo tardi e troveremo un acquario pieno di melma marrone e ocra che soffoca pesci e invertebrati. Questi dinoflagellati possiedono cloroplasti (gli organi cellulari nei quali avviene il processo di fotosintesi clorofilliana) che consentono loro di sintetizzare il proprio cibo anche con una quantità minima di luce. Alcune specie possono formare delle cisti chiamate pellicole che permettono loro di rimanere nell'acquario per mesi anche se le abbiamo completamente sterilizzate o tenute al buio completo. Una volta tornata la luce o le giuste condizioni, ricompariranno e quindi i problemi.

La maggior parte di questi dinoflagellati ha un comportamento molto curioso, tipico di patogeni e parassiti. Con la presenza della luce sono bentonici, secernono muco che aderisce a qualsiasi superficie, comprese alghe, coralli e pesci. Passano ore a sintetizzare il cibo e ad allungarsi verticalmente alla ricerca della fonte di luce (se spegniamo le pompe nell'acquario possiamo vedere i filamenti marroni crescere verso la superficie). Quando la sorgente luminosa scompare e non riesce più a sintetizzare il cibo, si staccano dal muco che aveva prodotto e intraprendono una fase pelagica, portati via dalle correnti per colonizzare nuove zone.


Dinoflagellati eterotrofi

Sono quelli che hanno bisogno di una fonte di nutrienti organici per vivere. Di solito sono buoni organismi in un acquario perché la loro capacità riproduttiva è moderata e quindi facilmente controllabile. Alcuni di loro come oxyrrhis marina   mangiano altri dinoflagellati, quindi aiutano il controllo. La loro presenza negli acquari, pur essendo usuale, è limitata a pochissime specie e densità di popolazione molto basse.

I primi sintomi di un problema in arrivo

La velocità con cui i dinoflagellati possono proliferare è così alta che normalmente li rileverai quando l'acquario è già sporco ei suoi abitanti iniziano a mostrare una condizione. I primi sintomi di un attacco di dinoflagellati sono solitamente i seguenti: Aspetto melmoso marrone e ocra su aree illuminate e ad alto flusso. Questi furfanti opportunisti amano aggrapparsi alle zone più agitate e illuminate, che fornisce loro energia e nutrienti inorganici per sintetizzare i propri nutrienti organici.

Presenza di lumache e piccoli invertebrati erbivori morti.

Comportamento nervoso di alcuni pesci.

Significativa diminuzione del PH in assenza di luce.

Come combattere i dinoflagellati autotrofi, regole di base

La prima cosa da fare è identificare la specie o almeno la famiglia a cui appartiene. Alcuni dinoflagellati sono organismi banali, non tossici e generalmente molto sensibili che possono essere eliminati con uno qualsiasi dei prodotti commerciali progettati per esso (Dino X, Dino Removeo o Dinoxal), altri possono essere eliminati utilizzando potenti ossidanti come il perossido di idrogeno o mediante l'installazione di un generatore di ozono. Tuttavia, la maggior parte dei dinoflagellati che proliferano nell'acquario sono spesso più difficili da rimuovere e dovremmo fare affidamento su soluzioni completamente opposte, volte a promuovere la competizione biologica con altri microrganismi. Pertanto, se non si identifica la specie di dinoflagellate e si utilizza nessuno dei prodotti sopra indicati, è possibile che si aggravi il problema contribuendo ad eliminare molti degli organismi con cui competono.

Cosa fare

Spegni lo schiumatoio

Questa è solitamente la misura più efficace per fermare la diffusione dei dinoflagellati. Contrariamente a quanto pensa la maggior parte delle persone, lo schiumatoio è poco più di un efficiente apparato per rimuovere contaminanti polari e batteri, oltre ad aiutare ad ossigenare l'acqua. I dinoflagellati amano gli ambienti ricchi di ossigeno e poveri di biodiversità quindi spegnendo lo schiumatoio noteremo presto un notevole sollievo nella lotta contro di loro.

Ridurre il flusso delle pompe

Le pompe non solo ossigenano l'acqua, ma le aiuta anche a colonizzare l'intero acquario trasportandole dappertutto. È molto importante ridurre al minimo la portata della pompa o addirittura arrestare quelle che non sono strettamente necessarie.

Fornire i microrganismi concorrenti, aumentare la biodiversità

Per quanto insignificante possa sembrare, aggiungere un paio di chilogrammi di nuova roccia viva, usare cibo vivo (copepodi, anfipodi, mysis ...) o un po’ di sabbia da una vasca matura può aiutare notevolmente a ripristinare l'equilibrio biologico nell'acquario e fermare l'avanzata di dinoflagellati.

Nutrire l'acquario

Non vanno dimenticate le cause che hanno favorito la comparsa dei dinoflagellati, soprattutto l'hanno trasformato in un ambiente quasi sterile limitando l'assunzione di cibo o hanno pochi o nessun animale che macchiano leggermente l'acqua e quindi forniscono un minimo apporto nutritivo per conservare la biodiversità. Spesso si tratta di un calo improvviso dei nutrienti inorganici perché abbiamo effettuato ripetuti cambi d'acqua, installato uno schiumatoio troppo potente o abusato di resine fosfatiche che abbassa notevolmente la biodiversità e la concentrazione degli organismi concorrenti. Non dobbiamo quindi sentirci sicuri se effettuando un test e troviamo che i nitrati e / o fosfati sono alti: anche in questo scenario apparentemente sfavorevole possiamo provocare la comparsa di dinoflagellati, soprattutto se commettiamo uno qualsiasi di questi eccessi che portano ad un forte riduzione dei nutrienti. L'uso regolare di fitoplancton è fondamentale, vivo o in gel con una pompa dosatrice. Aiuta molto anche l'uso sporadico di cibi umidi come mysis, calanus o artemia.

Installazione di uno sterilizzatore a raggi ultravioletti

Abbiamo parlato di un fatto comune dei dinoflagellati autotrofi: sono bentonici di giorno e pelagici di notte. Se installiamo uno sterilizzatore UV e lo manteniamo in funzione di notte, molti di loro verranno uccisi mentre galleggiano nell'acqua. Non li rimuoveremo completamente, ma se lo sterilizzatore è abbastanza potente, i dinoflagellati diminuiranno in modo significativo.

Utilizzo di carbone attivo

Quando i dinoflagellati iniziano a morire, le tossine vengono rilasciate nell'acqua. È dimostrato che il carbone attivo (in particolare il tipo bituminoso) aiuta a rimuovere efficacemente questi contaminanti. A differenza delle resine a scambio ionico così popolari, il carbone attivo non trattiene la proliferazione di altri microrganismi che superano i dinoflagellati.

Aspirare la melma al tramonto utilizzando un calzino filtrante

In tarda giornata quando il fotoperiodo è quasi al termine, le masse di dinoflagellati sono maggiormente sviluppate sarà più semplice rimuoverle. Come verrà discusso in seguito non è sensato effettuare cambi d’acqua; quindi, possiamo procedere installando una calza filtrante nel pozzetto o nella sump (ne consiglio l'utilizzo di uno non superiore a 150 µm) ed aspirare la melma formata con un tubo.

Aumento della temperatura

Un interessante articolo pubblicato da una rivista americana riporta quanto accaduto ad un acquariofilo colpito da un invasione di dinoflagellati; durante i varie prove e trattamenti, ha avviato una piccola vasca inserendo una roccia colpita da dinoflagellati, con essa ha anche introdotto l’acqua della vasca principale per ricreare le stesse condizioni. Dopo una settimana, i dinoflagellati nella vasca secondaria erano completamente spariti. Indagando sulle cause della scomparsa di questo evento, si è accorto che a causa di un guasto al riscaldatore la temperatura era salita era a 28,1°C mentre nella vasca principale la temperatura continuava ad essere a 25,5°C con la presenza di dinoflagellati. Questo è stato più volte replicato con successo. Ora non sappiamo se all’interno della vasca fossero presenti coralli o altri animali. Tutti sappiamo che coralli come SPS o LPS non tollerano temperature alte e 28°C rappresentano un limite per specie particolarmente delicate.

Verificare l'evoluzione al microscopio

Ognuna delle azioni di cui sopra produce spesso una risposta soddisfacente nella lotta contro i dinoflagellati. Il modo migliore per verificarlo è attraverso l'osservazione microscopica: possiamo vedere che siamo sulla buona strada quando la mobilità dinoflagellata diminuisce (questo accade solo in alcune specie poiché altre hanno perso la funzione motoria o l'hanno molto atrofizzata), se troviamo le cellule staccate o una diminuzione della loro concentrazione.

Cosa NON dobbiamo fare

Cambi d'acqua

I dinoflagellati amano i cambi d'acqua. I cambi d'acqua aggiungono gli oligoelementi di cui i dinoflagellati hanno bisogno per prosperare, in particolare ferro, iodio e silicio. Bisogna quindi evitare di fare la minima aggiunta di nuova acqua nell'acquario per almeno un mese dopo che i dinoflagellati sono scomparsi dalla nostra vista.

Utilizzo di fonti di carbonio

Se si utilizzeranno fonti di carbonio in un acquario con dinoflagellati continueranno a diffondersi rapidamente. Dovremmo soprattutto evitare qualsiasi sostanza contenente zucchero, aceto o etanolo. L'uso di batteri denitrificanti non è controindicato ma nella maggior parte dei casi è irrilevante.

Utilizzo di resine che assorbono i fosfati

Nella maggior parte dei casi con una vasca già magra, l'uso di resine a scambio ionico innesca il verificarsi di un attacco dinoflagellato. Quando usiamo questi prodotti, provochiamo una rapida caduta di fosfato inorganico, essenziale per la vita di piccoli microrganismi come ciliati, altri dinoflagellati eterotrofi, nematodi o copepodi. Molti di questi organismi muoiono improvvisamente lasciando una via libera ai dinoflagellati. È per questo motivo che sono sempre più frequenti gli acquari ad alto contenuto di fosfati dove troviamo masse incontrollate di dinoflagellati e cianobatteri; forse il peggior scenario immaginabile, non brutto e sgradevole, ma perché spesso è molto difficile riportarlo al suo equilibrio biologico.

Dosaggio di oligoelementi

Come ho detto nel primo punto, i dinoflagellati hanno bisogno di alcuni oligoelementi per prosperare. È molto importante evitare qualsiasi sottoprodotto di ferro, iodio, silicio e potassio comunemente usati negli acquari SPS.

Utilizzo di pompe

I dinoflagellati producono muco per rimanere attaccato a qualsiasi superficie. Verrebbe da pensare di usare una pompa per le masse gelatinose dalle rocce e dal substrato, mentre apparentemente svaniscono nell'acquario quello che stiamo effettivamente facendo è diffondere il problema dei dinoflagellati altre zone dell'acquario. Anche i coralli saranno interessati e presto vedremo fili di dinoflagellati aggrapparsi alle loro punte, specialmente nelle aree con flusso d'acqua più elevato.

Utilizzo di agenti ossidanti

A meno che non stiamo cercando di eliminare alcune specie di dinoflagellato considerato banale, dobbiamo evitare l'uso di generatori di ozono, perossido di idrogeno o qualsiasi prodotto commerciale non adeguatamente testato con le specie dinoflagellate che vogliamo trattare. Per questo si consiglia sempre di provare a identificare la specie (o almeno la famiglia a cui appartiene il dinoflagellato che vogliamo eliminare). La maggior parte dei prodotti commerciali sono completamente inefficaci contro alcune specie di dinoflagellati come l'ostreopsis e possono causare danni maggiori limitando la diffusione di altri microrganismi benefici mentre indeboliscono i coralli e altri invertebrati.

Scambiare pesci o invertebrati

È buon senso, se il nostro acquario soffre di un'infezione da dinoflagellati non è molto etico scambiare anche una lumaca con altri hobbisti perché trasmetteremo loro il nostro problema.

Sterilizzare l'acquario o uno qualsiasi dei suoi elementi

Non funziona nella maggior parte dei casi specialmente su quei dinoflagellati menzionati nel punto precedente. Alcune persone pensano che immergere le rocce in acqua dolce eliminerà i dinoflagellati, e hanno ragione, ma non considerano che con un solo dinoflagellato sopravvissuto (attenzione alla formazione di specie di pellicole) in una roccia sterile senza microrganismi in grado di battere, dovranno affrontare un vero problema.

È importante insistere sul fatto che la migliore difesa contro i dinoflagellati è mantenere un corretto equilibrio biologico nell'acquario evitando situazioni in cui l'estrema pulizia porta i dinoflagellati a non trovare organismi in competizione. Se il nostro acquario soddisfa questa condizione non c'è motivo di temere i dinoflagellati, paradossalmente si potrebbe addirittura introdurre animali da acquario con dinoflagellati visibili senza rischio di infezione.

Bibliografia

[1] - http://bricioledibiologia.blogspot.com/

[2] - https://www.plingfactory.de/Science/Atlas/KennkartenMarin/marlife/tropic.html

[3] - Dodge, J. D. 1982. Marine Dinoflagellates of the British Isles. Her Majesty’s Stationary Office, London.

Attribuzione foto

Foto 1 e 2 - https://www.reef2reef.com/threads/my-fight-with-dinoflagellates.685851/

Foto 3 - http://2.bp.blogspot.com/s8OKXquvRLE/VkoF8Vsei4I/AAAAAAAAATc/_EXJ021eyWw/s1600/download.jpg

Foto 4 - http://4.bp.blogspot.com/-6h63ZuD5RXA/VkoImVNfTcI/AAAAAAAAAUI/RcF5Lls7f40/s1600/ceratium.jpg

Foto 5 - https://reefbuilders.com/wp-content/blogs.dir/1/files/2020/05/dinoflagellate-770x514.jpeg

Foto 6 - https://www.plingfactory.de/Science/Atlas/Kennkarten%20Algen/AndereAlgen/Image/Oxyrrhis-marina__39b-8.jpg

Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

3 - La triade: manteniamola stabile

Comprendere uno skimmer

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

come gestire la fase "brutta" di una vasca

L'importanza di nutrire i coralli

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO