Duncanopsammia axifuga

Foto di Loredana Prologo

Nome scientifico: Duncanopsammia axifuga (Milne-Edwards e Haime, 1848)

Classificazione: Animalia (Regno); Cnidaria  (phylum); Antozoi (classe); Scleractinia (ordine); Dendrophylliidae (Famiglia) Duncanopsammia (Genere) Goniopora (Blainville, 1830)

Dimensioni: 10-15 cm

Zoogeografia: Oceano Indo-Pacifico e Pacifico occidentale: Australia, Filippine, l'Indonesia, la Nuova Guinea, Isole Salomone e altre zone dello stretto di Taiwan, Mar dei Coralli e del Mar Cinese Meridionale


Habitat: Si trova a varie profondità, generalmente da pochissimi metri fino a una trentina di metri sotto la superficie dell'oceano, solitamente si trovano ancorati su fondali rocciosi o corallini a varie profondità, spesso in zona con corrente moderata che fornisce un costante apporto di nutrienti. Nel loro habitat naturale, questi coralli possono formare dense aggregazioni, contribuendo alla biodiversità e alla struttura delle barriera coralline. Essendo un corallo piuttosto resistente e adattabile, può tollerare una gamma di condizioni di luce, anche se predilige ambienti in cui riceve una moderata quantità di illuminazione. 

Parametri dell'acqua: Salinità: 1023-1025; Temperatura: 24-27°C; Nitrati presenta una buona tolleranza ai nitrati ideale 5-15 mg/l, Fosfati 0,10 mg/l, KH 7-8, Ca 380-430, Mg 1280-1320. movimento: basso e alternato, non amano affatto correnti forti, tanto meno se dirette; Luce: non intensa  (riferimento PAR: 150-250).

Descrizione: conosciuta comunemente come corallo Duncan, presenta una morfologia a forma di massa con polipi grandi e distinti che sporgono dalla superficie. La sua struttura scheletrica esterna è compatta e solida. I polipi sono distintivi per le loro dimensioni e la struttura a forma di massa. Questi polipi di grandi dimensioni si estendono dalla superficie del tessuto scheletrico del corallo. I colori più comuni dei polipi di questo corallo sono il verde e il marrone, ma esistono anche varietà che mostrano sfumature di rosa, viola, rosso e crema; possono essere piuttosto vivaci e sono spesso accentuati dalle punte dei tentacoli che possono essere di un colore diverso, come il bianco o l'arancione. La loro colorazione può essere influenzata dalla presenza di zooxantelle, le alghe simbionti che vivono all'interno dei tessuti del corallo.

Allevamento in acquario: Abbastanza facile da allevare, ma ha bisogno di inquinanti bassi, altrimenti tende a chiudersi e per questa sua caratteristica, può essere messa nella lista dei coralli "sentinella". In condizioni adeguate può mostrare una crescita relativamente veloce per essere un corallo duro creando bellissime colonie formate da "rami" indipendenti. È un corallo che trae molti dei suoi nutrienti dalle zooxantelle, le alghe simbionti che vivono all'interno dei suoi tessuti e forniscono il loro nutrimento tramite la fotosintesi. Tuttavia, al fine di garantire una crescita ottimale, è possibile integrare la sua alimentazione fornendo piccole particelle di cibo per coralli tipo artemia, plancton o pellet, non viene disprezzato. Un acquario allestito con dsb o refugium, è agevolato nel suo allevamento; consigliato l'uso di aminoacidi. La disposizione in vasca è importante per garantire la sua salute e la sua crescita ottimale. Assicurarsi che il corallo sia posizionato sotto una luce moderata e abbia un flusso d'acqua sufficiente per garantire la rimozione dei rifiuti e l'apporto di nutrienti. Non adatta ad un neofita o con poca esperienza.

Riproduzione: La riproduzione sessuata in natura avviene attraverso un processo noto come "spawning" (o emissione di gameti). Questo di solito accade in risposta a segnali ambientali come la temperatura dell'acqua, la fase lunare e altri fattori. Durante il periodo di riproduzione, i coralli rilasciano le uova e lo sperma. Successivamente, le uova fecondate sviluppano particelle planctoniche chiamate larve pluteus, che alla fine si stabilizzano sul fondo marino ancorandosi al substrato del Reef. In acquario risulta molto difficile la riproduzione sessuata; La frammentazione è un metodo comune per la riproduzione di questo corallo in acquario.                                                                                             



Difficoltà Allevamento:         Moderatamente facile
Illuminazione:                       Media
Flusso movimento:               Medio
Aggressività:                        Bassa
Disposizione in acquario:     Bassa



Commenti

Post più letti

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

4 - La triade: lo squilibrio ionico

3 - La triade: manteniamola stabile

Cianobatteri In Acquario marino

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Allevare con successo gli Acanturidi