Genere Goniopora


Foto di Loredana Prologo

 Nome scientifico: Goniopora (Blainville, 1830)

Classificazione: Animalia (Regno); Radiata (Sotto Regno); Cnidaria  (phylum); Anthozoa (classe); Esacorallia  (sottoclasse); Scleractinia (ordine); Fungiina (Sottordine) Acroporidi  (Famiglia) Poritidae (genere) Goniopora (Blainville, 1830)

Dimensioni: 25-30 cm

Zoogeografia: Mar Rosso, nell'Oceano Indiano, in varie zone tropicali e subtropicali dell'Oceano Pacifico. Varie specie si trovano fino a nord fino a Hong Kong e nel sud del Giappone.



Habitat: Vive in zone lagunari protette con acque torbide e ricche di sedimenti; Sono state segnalate addirittura molte colonie vicino ai porti e nello stretto di Malacca dove l’acqua non è certamente limpida. Spesso le colonie di Goniopora a causa della bassa marea, restano all’asciutto per ore, ma nonostante ciò prosperano in modo eccellente. si trovano sino ad una profondità di trenta metri. 

Parametri dell'acqua: Salinità: 1023-1025; Temperatura: 24-27°C; Nitrati presenta una buona tolleranza ai nitrati ideale 5-15 mg/l, Fosfati 0,10 mg/l, KH 7-8, Ca 380-430, Mg 1280-1320. movimento: basso e alternato, non amano affatto correnti forti, tanto meno se dirette; Luce: non intensa  (riferimento PAR: 50-200).

Descrizione: Fa parte della famiglia delle Poritidae ma a differenza dei porites i suoi polipi possono essere sia molto corti ed incrostanti che lunghi a seconda della specie. Il corpo è dato da uno scheletro duro generalmente tondeggiante ed estremamente poroso. Dallo scheletro si estroflettono i polipi lunghi tubolari o a forma di gambo. In alcuni esemplari la lunghezza dei polipi può superare i 30 cm; hanno numerosi polipi simili a margherite che si estendono verso l'esterno dalla base, ciascuno dotato di 24 tentacoli urticanti che circondano una bocca.  Esistono circa 20 specie diverse e alcune sono più resistenti di altre, le più comuni importete per il mercato acquariofilo sono la G. Lobata e la G. Stokesi. Si possono trovare si diverse colorazioni: beige con polipi con colori molto sgargianti come viola, giallo, verde o bianco a seconda anche della specie.

Allevamento in Acquario:  La sua posizione più idonea è sul fondo dell'acquario con poco movimento e luce non diretta. E' sconsigliato inserirla se si hanno in vasca ocellaris e gamberi, perché la disturberebbero troppo portandola alla sofferenza e morte. L'alimentazione diretta con cibo in polvere o congelato, è consigliata. Sì alimenta principalmente con un mix di fitoplancton e zooplancton e per questo, chi ha un acquario allestito con dsb e refugium, trova più facile il suo allevamento. Consigliato l'uso di aminoacidi. Non adatta ad un neofita.

                                                                                                   


Commenti

Post più letti

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

4 - La triade: lo squilibrio ionico

3 - La triade: manteniamola stabile

Cianobatteri In Acquario marino

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Allevare con successo gli Acanturidi