Un alieno nel Mar dei Caraibi; il pesce leone

photo credit web - https://phantomdivers.com/wp-content/uploads/2019/07/aumento-della-popolazione-del-lionfish-nei-caraibi.jpg

Impatti del pesce leone nella regione dell'Atlantico settentrionale occidentale

Il "pesce leone" nome scientifico Pterois antennata, Pterois miles e Pterois volitans si riferiscono a tre specie strettamente imparentate e quasi indistinguibili che hanno ormai invaso le principali barriere coralline della zona caraibica. Originario dell'Indo-Pacifico, è stato avvistato per la prima volta lungo le coste della Florida a metà degli anni '80. La loro popolazione è aumentata drammaticamente negli ultimi 15 anni. Essendo una specie molto apprezzata tra gli acquariofili, quindi è plausibile che i ripetuti rilasci irresponsabili in natura di esemplari allevati in cattività, siano la causa dell'invasione. I pesci leone ora abitano le barriere coralline, i relitti e altri tipi di habitat nelle calde acque marine dell'Oceano Atlantico. La sua grande capacità riproduttiva raggiunge circa 30.000 uova ogni quattro giorni e la sua aggressività alimentare, unita all’assenza di predatori naturali, animali velenosi, ha facilitato il fatto che questa vorace specie predatoria stia diventando una pericolosa minaccia. la costante proliferazione continua l'espansione a velocità sorprendente danneggiando così gli ecosistemi autoctoni delle barriere coralline nell'Atlantico, nel Golfo del Messico e nei Caraibi. Ricerche recenti hanno anche dimostrato che questa specie può tollerare le zone costiere di acqua salmastra, dove le foreste di mangrovia e gli estuari dei fiumi possono essere a rischio di invasione.

Impatti sulla fauna delle barriere coralline

I pesci leone adulti sono principalmente mangiatori di pesce e hanno pochissimi predatori in grado di contrastarli. I ricercatori hanno scoperto che un singolo pesce leone che risiede su una barriera corallina può ridurre del 79% la popolazione dei pesci autoctoni della barriera corallina. Si nutrono di prede normalmente consumate da dentici, cernie e altre specie autoctone commercialmente importanti. Ciò significa che la loro presenza potrebbe influire negativamente sul benessere della pesca commerciale e ricreativa. Man mano che le popolazioni crescono inducono ulteriore stress sulle barriere coralline, ad esempio, il pesce leone mangia erbivori e gli erbivori mangiano alghe dalle barriere coralline. Senza erbivori, la crescita delle alghe non viene controllata, il che può essere dannoso per la salute dei reef. In questo periodo le barriere coralline stanno già lottando contro gli effetti del cambiamento climatico, dell'inquinamento, delle malattie, della pesca eccessiva, della sedimentazione e di altri fattori di stress con un effetto devastante andando così a squilibrare l’intero ecosistema di barriera. Nel suo habitat naturale di solito attraversa lunghi periodi di digiuno, il che costringe il pesce leone a ad essere vorace quando si trova in ambienti dove ci sia la possibilità di nutrirsi frequentemente.

 Piani di gestione

I governi di tutta la regione stanno sviluppando piani di gestione, sperando di portare la popolazione a un livello in cui non incidano più sugli ecosistemi. Una delle principali proposte per mitigare gli impatti negativi di questa specie è di consumarla e commercializzarla come prodotto di alta qualità, poiché la sua carne è al 100% priva di tossine ed è ricca di proteine, essendo una carne bianca dal sapore delicato si sta cercando di introdurla nella cucina locale. Quando si consuma il pesce leone, si contribuisce alla conservazione delle risorse marine e oggi rappresenta un’alternativa commerciale per le comunità locali. Esistono vari progetti che prevedono la formazione dei pescatori su come catturarli, gestirli, pulirli e prepararli in sicurezza. Le campagne di educazione pubblica stanno contribuendo a promuovere il consumo del pesce leone e sviluppare un mercato praticabile.

 

photo credit web - https://infinitynews.it/wp-content/uploads/2019/09/pesce-leone-atlantico.jpg

Altri sforzi di gestione si sono concentrati sulla formazione dei subacquei per catturare il pesce leone e nell’organizzare eventi con battute selettive in cui vengono rimossi un gran numero di pesci dalle aree protette.



Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

3 - La triade: manteniamola stabile

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

L'importanza di nutrire i coralli

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO