Lysmata Amboinensis

 



Si trova principalmente in tutto l'Oceano Indo Pacifico tropicale e nel Mar Rosso.
Gamberetto molto socievole che cresce fino a 5 cm, con gli arti e le antenne di colore bianco, il dorso di un bel rosso vivo con la caratteristica striscia bianca che termina prima della coda.
Il Lysmata Amboinensis di solito forma dei gruppi molto numerosi che vivono all'ingresso di grotte o spaccature, ma in acquario può essere allevato anche singolarmente, facilmente si vede anche a testa in giù aggrappato a rocce.
Sono gamberetti apprezzati molto oltre che per la livrea anche perchè liberano i pesci da parassiti e pelle morta creando delle vere e proprie stazioni di pulizia. Avvicinano  amichevolmente i pesci prima con le lunghe antenne per farsi conoscere e poi una volta familiarizzato, procedono con le piccole chele alla rimozione degli ospiti indesiderati.
Non ha molti predatori naturali, anzi quasi nessuno e per questo può essere inserito tranquillamente in acquario. Si ciba di qualsiasi cosa, dagli avanzi di cibo agli escrementi dei pesci; a volte passeggia tranquillamente sopra i coralli senza disturbarli a meno che non veda cibo da sottrarre.
Difficilmente si può riprodurre in un acquario di comunità perché una volta liberate le uova, queste diventano subito cibo molto gradito per pesci e coralli. Essendo ermafrodita, se inseriti più esemplari, si può creare tranquillamente la coppia
Periodicamente effettuano una muta per rigenerare parti mancanti o danneggiate, cambiando completamente l'esoscheltro, 

Famiglia: hippolytidae
Provenienza: M.Rosso/Indo Pacifico
Habitat: grotte/fondo vasca
Dimensioni: 5cm

Autore: L. Prologo
Foto: L. Prologo

Commenti

Post più letti

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

4 - La triade: lo squilibrio ionico

3 - La triade: manteniamola stabile

Cianobatteri In Acquario marino

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Allevare con successo gli Acanturidi