Scolymia Australis (Homophyllia australis)


Questo corallo è dell'ordine delle sclerattinie e appartiene alla famiglia delle lobophyllidae, è presente ma raro, nell'Oceano Pacifico meridionale soprattutto lungo le coste meridionali dell'Australia.
E' un animale solitario dalla forma di disco con numerosi setti radiali, al centro è percorsa da molti canali con bordi regolari. Sul disco è posizionato L'invertebrato con il cenosarco che esce e copre tutto lo scheletro.
Al centro c'è l'apertura orale (raramente si possono osservare 2 o 3 bocche) che a sua volta è circondata da un disco piatto da dove escono i tentacoli non sempre visibili.
La Scolymia è una scleractinia ermatipica e cioè, di giorno si gonfia fino a triplicare il suo volume per esporre al massimo le sue zooxantelle alla luce e cibarsi, mentre di notte succede il contrario.
I suoi colori e disegni sono stupendi, possono essere monocromatici ma anche formare striature o cerchi che la rendono particolare sia come aspetto che come valore. 
La Scolymia è un animale poco aggressivo, ma ha bisogno di spazio per gonfiarsi e per non subire lacerazioni al tessuto. 
Non tollera luce diretta, soprattutto se troppo intensa ne tantomeno corrente forte e costante; controindicata anche la sabbia, l'ideale sarebbe posizionarla sul fondo con sotto una roccetta per non avere punti di contato se non solo che con il suo stesso scheletro.
Animale abbastanza robusto che ama essere "imboccato" ogni tanto con pezzetti di gamberetto o di cozza, con artemia, mysis o kril freschi o surgelati, preferibilmente di notte o comunque quando ha i tentacoli estrofessi.


Autore: L. Prologo
Foto di: L. Prologo


Commenti

Post più letti

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

4 - La triade: lo squilibrio ionico

3 - La triade: manteniamola stabile

Cianobatteri In Acquario marino

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Allevare con successo gli Acanturidi