Tridacna derasa

 


Un adulto Tridacna derasa nella colorazione blu a Big Viki's Reef, © Andy Lewis



Classificazione: Bivalvi | Cardiida | Cardiidae | Tridacninae | Tridacna

Il mantello di questo mollusco ha disegni intricati, colori più frequenti sono crema e il marrone, intricati con blu, azzurro viola; nella fase più intensa del fotoperiodo si possono notare le bellissime iridescenze tipiche di questo filtratore.

Luogo di origine: Indo-Pacifico occidentale; Mar Rosso.

È presente fino a venti metri di profondità, ma si trova principalmente su banchi di barriera corallina superficiali, scogliere esterne del Reef, zone lagunari e atolli. Comune nelle acque poco profonde in cui gli esemplari giovani sono attaccati alle cime e ai lati degli affioramenti di corallo.

È caratterizzato da una conchiglia bianca e liscia scultura primaria bassa e radiale viene distinta dalle 6-7 pieghe verticali sul guscio, la forma è variabile, l’area umbonale è massiccia.

Questo bivalve in genere è facile da mantenere in acquario se si dispone di un'illuminazione potente e di una buona qualità dell'acqua. Il livello di calcio dell'acqua dovrebbe essere compreso tra 400 e 440 ppm, in quanto ciò consente di costruire il suo guscio.

Gli esemplari giovani (<10 cm) hanno bisogno di una dieta a base di fitoplancton fino a quando non sono cresciute. Gli esemplari più grandi traggono la maggior parte del loro nutrimento dalla fotosintesi, ma è comunque utile integrare anch’essi con fitoplancton. Fare attenzione a non danneggiare il piede se la si deve spostare, non avendo una salda presa come le altre specie è utile posizionarle in una ciotola di ceramica appositamente realizzata o una roccia concava, si attaccheranno nel giro di qualche giorno se non disturbate. Si consiglia di posizionarla in vasca sul fondo prestando attenzione alla sua stabilità e non tenda a capovolgersi.


Bisogna evitare pesci e invertebrati che potrebbero danneggiare il mollusco. Alcune specie di lumaca spesso prendono di mira questo bivalve, insediandosi nel piede, quindi prima di posizionarla in vasca o quando si nota un sintomo di stress o ha difficoltà ritrarsi, controllare nella zona del piede se fossero presenti. Alcuni tipi di labridi sono efficaci nell'eliminare queste lumache. Molto rischioso l’allevamento con pesci della famiglia dei Pomacantidi e Chaentodonti, in natura se ne nutrono.

Quando si acquista, è bene controllare che reagisca agli sbalzi di luce ritraendosi rapidamente. Se rimane aperto o ha difficoltà a ritrarsi l’animale non è sano.


Commenti

Post più letti

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

4 - La triade: lo squilibrio ionico

3 - La triade: manteniamola stabile

Cianobatteri In Acquario marino

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Allevare con successo gli Acanturidi