Heliofungia Actiniformis


 

©Photo credit web



Appartiene alla famiglia delle Fungiidae. Generalmente i tentacoli sono di un intenso color verde, mentre il disco orale e gli apici dei tentacoli sono di un colore più chiaro, verde fluo o grigio; si trovano anche individui dai colori sgargianti: tentacoli rosa con il disco orale e gli apici di color fucsia o bianchi, tentacoli di color rosso magenta con il disco orale e gli apici dei tentacoli grigi.

Luogo di origine: presente nell'Oceano Pacifico centro-occidentale: Grande Barriera Corallina australiana, Filippine, Papua Nuova Guinea. 

Dotato di uno scheletro calcareo a sviluppo discoidale, Il piatto scheletro calcareo a forma di fungo che lo rendono molto somigliante ad un'attinia, presenta numerosissimi setti radiali dotati di grandi denti lobati, su cui si ancorano i tessuti del polipo; al centro del disco è visibile la grande bocca carnosa.

In Natura, questo corallo solitario ha una dimensione che va dai 15-20 centimetri, lo si trova solitamente sul fondo sabbioso o ciottoloso nelle lagune del Reef, ad una profondità che varia da 1 a 25 metri.

In Acquario, questo corallo posizionato sul fondo necessita di un'intensa illuminazione e un movimento moderata con flusso alternato. Abbastanza resistente, per essere una Scleractinia ma richiede paramenti dell'acqua rigorosamente stabili con valori ottimi.

Nonostante la presenza di alghe simbionti del genere Zooxanthellae è consigliabile nutrire questo Antozoo anche con plancton surgelato o Liofilizzato, fatto rinvenire qualche minuto in acqua, dell'acquario, e spruzzare con una siringa nei pressi della bocca; se molto grossa la Heliofungia actiniformis può essere nutrita anche con pezzetti di polpa di cozza o brandelli di pesce appoggiati delicatamente sui tentacoli estroflessi. 

È consigliabile per un acquariofili esperti che riescano a soddisfare le sue particolari esigenze di allevamento.

Attribuzione foto: http://lifg.australianmuseum.net.au/HotShot.html?resourceId=TZALdkmO


Commenti

Post più letti

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Cianobatteri In Acquario marino

3 - La triade: manteniamola stabile

ACROPORA GRANULOSA

Allevare con successo gli Acanturidi

1 - La triade: introduzione e definizioni

Planarie

4 - La triade: lo squilibrio ionico

Introdurre e acclimatare nuovi animali nel marino

2 - la triade: interazioni chimico-fisiche