Montipora foliosa

 




Antozoo ermatipico coloniale, appartenente all'ordine dei Madreporari. La colorazione è generalmente di color rosso, viola, rosa e verde.

Luogo di origine: Oceano Indiano e Oceano Pacifico equatoriale; Mar Rosso, Mauritius, Grande Barriera Corallina, Indonesia, Filippine, Nuova Guinea, Polinesia.

Questo corallo, vive sui pendii della barriera corallina superiore ad una profondità di 3-15m. In natura si osservano colonie che spesso superano il metro di diametro

La colonia è quasi completamente ricoperta da un esoscheletro rigido e poroso, in carbonato di calcio, detto corallite, che a sua volta, è ricoperto dal Cenosarco, un tessuto epiteliale canalizzato che collega tutte le cavità gastriche dei polipi. La colonia è formata in genere da moltissimi di questi piccoli polipi, che si dipartono radialmente in direzione decisamente ascendente da una radice comune formando lo scheletro calcareo della colonia, dalla tipica forma a coppa; più formazioni si dipartono da una radice centrale e si protendono radialmente, su più livelli, in ogni direzione facendo assumere alla colonia la forma di una spirale ascendente o di un cespo di insalata.

Corallo duro e quindi esigente per quanto riguarda calcio, fosfati e nitrati, Le condizioni dell’acqua devono essere molto buone con valori chimici stabili e un carico organico ed inorganico basso.

Prospera bene in vasca sotto illuminazione alta e buon flusso d’acqua, molto facile da taleare; si possono staccare piccole porzioni e posizionandole tra rocce o sotto basi di talee di acropora ma attenzione, se viene a contatto soccombe essendo poco urticante. Forma strutture verticali ed orizzontali a volte davvero maestose ma fragili che possono rompersi se non vengono maneggiati con estrema cautela. Si consiglia di posizionare le colonie nella parte bassa, dove possa ricevere una buona illuminazione ma non porre in ombra altri coralli, nel breve periodo deperirebbero. Apprezza un movimeto forte ed alternato.

Le condizioni dell’acqua devono essere molto buone con valori chimici stabili e un carico organico ed inorganico basso.

È vulnerabile all'attacco dei parassiti e tollera poco le temperature alte.

Corallo di facile allevamento, consigliabile anche ad acquariofili poco esperti.


Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

3 - La triade: manteniamola stabile

Comprendere uno skimmer

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

come gestire la fase "brutta" di una vasca

L'importanza di nutrire i coralli

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO