Pseudocheilinus hexataenia



Foto by Coralbay


 

FAMIGLIA: LABRIDI

DIMENSIONI: MAX 10 CM


Lo Pseudocheilinus hexataenia è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia dei Labridae. Vive nelle barriere coralline ad una profondità che va tra i 4 metri fino ad arrivare ai 40 metri. Si presenta con un corpo ovale leggermente schiacciato lateralmente, muso appuntito e occhietti da furbetto. Presenta colori molto vivaci, sul fianco si può notare la bellissima livrea composta da sei linee longitudinali di color arancione, sulla parte superiore delle testa ci sono alcuni tratti di color turchese, sulla parte inferiore ci sono dei puntini color bianco e rosso, l'occhio è attraversato da due linee bianche, la pinna caudale parte con una colorazione verde fino a diventare semitrasparente con rifessi arancioni, la pinna dorsale anch'essa semitrasparente con riflessi arancioni, lungo il dorso possiamo notare anche la presenza di 9 spine rigide di colore giallo. 

Dal punto di vista riproduttivo, è un Ermafrodita Proterogino, cosa vuol dire, che tutti gli esemplari, alla nascita, sono di sesso femminile, poi raggiunti i 3/5 in uno di questi esemplari, iniziano a degenerare gli organi femminili e si sviluppano quelli maschili, diventando così anche l'esemplare maschile dominante. Alla sua morte si ripete il ciclo con l'esemplare di sesso femminile più anziano.

Vediamo un pò se la nostra vasca è adatta ad allevare questo esemplare. E' possibile allevare questa specie in vasche dai 120 litri in su, più è grande e più rocce ci sono meglio è. Infatti in vasche piccole corriamo il rischio che faccia un salto dalla vasca e lo ritroviamo sul pavimento, come tutti i labridi d'altronde. Quindi è consigliato una rete antisalto reperibile in commercio dai rivenditori di acquariologia.

Conosciamo un pò il suo comportamento. E' un pesce molto attivo, infatti trascorre la maggior parte del tempo a sfrecciare tra le rocce in cerca di anfipodi, vermi, piccoli invertebrati e se siete fortunati anche planarie rosse. Con altri pesci è abbastanza tranquillo, ma può diventare aggressivo con altre specie simili introdotte successivamente.

Vediamo un pò cosa dargli da mangiare. Ha una bocca piccola, quindi gli alimenti devono essere molto piccoli per adattarsi alla bocca, accetta volentieri gamberetti  mysis, cibi carnosi tritati, fiocchi e pallet. Io che ho un esemplare in vasca, ho trovato un concentrato liquido di zooplancton estratto dal Mar Artico, contenente capepodi Calanus finmachicus (2mm di grandezza), è molto gradito questo alimento e adatto per la sua boccuccia.

Conclusioni. E' un pesce Reefsafe, non mangia i polipi dei coralli, ne tantomeno gli invertebrati mobili, è molto utile in fatto di pulizie. Resistente alle malattie, ma molto sensibile ad un PH basso ed a concentrazioni elevate di nitrati e fosfati, come del resto un pò tutti i pesci, in questo caso notiamo la perdita della brillantezza dei colori. I valori da mantenere sono: temperatura ottimale dai 24 ai 30 gradi, mantenere una densità tra i 1022 e 1024, una salinità al 35 per mille e un ph tra 8 e 8,4. Molti sconsigliano di inserire una tridacna, perchè essendo un pesce carnivoro, potrebbe essere predata, io personalmente ho anche la tridacna, ma non se la fila neanche di striscio. Io lo consiglio anche ad un neofita.  

Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

3 - La triade: manteniamola stabile

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

Come fare aquascaping con l’acquario marino

L'importanza di nutrire i coralli

Come "curare" le rocce

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua