Storia ed evoluzione delle rocce vive

 



Quando Georg Smit e Alf Nilsen introdussero le rocce vive tra gli hobbisti americani negli anni '80, l'allevamento di animali d'acqua marina cambiò per sempre. Fino a quel momento, i filtri sottosabbia erano il mezzo principale per la filtrazione biologica e la maggior parte delle vasche era decorata con scheletri di coralli morti e sbiancati. Fino a quel momento, questo era il metodo standard per mantenere una vasca d'acqua marina. 

Quando questi pionieri spiegarono cosa fossero le rocce vive e come fossero parte integrante e superiore dell'allevamento di animali marini, tutto cambiò nell'hobby . Quando si inizia è difficile capire come una roccia possa essere viva. Ma le rocce vive marine non sono come quelle terrestri, in quanto si formano in seguito alla morte dei coralli e al riempimento degli scheletri di carbonato di calcio o aragonite rimasti, con batteri, alghe incrostanti, spugne, microfauna e vermi. 

A differenza della roccia terrestre, che non contiene spazio, la roccia marina è aperta e piena di spazi che vengono colonizzati da tutto ciò che vive nel mare. È così aperta e piena di spazi che è stato stimato che la superficie della roccia viva è maggiore di quella della ghiaia dei filtri sottosabbia o delle bioballs dei filtri biologici. Per questo motivo è diventato lo standard d'uso e un elemento critico per la filtrazione nei moderni acquari di barriera. In parole povere, è la base su cui sono costruite le barriere coralline e le nostre vasche di barriera.

Una vasca di dodici anni fa che è ancora fiorente con la roccia viva originale che è ancora buona dopo tutti questi anni.



Roccia viva della barriera corallina

Fino a tempi relativamente recenti, le "rocce vive" erano effettivamente vive. Si trattava cioè di pezzi di vecchio corallo morto che si erano staccati dalla barriera corallina e che venivano prelevati da varie barriere coralline in tutto il mondo e utilizzati come base per le nostre vasche di barriera. Purtroppo, a causa della sua composizione, è stato anche utilizzato come sostituto della ghiaia nelle strade, dopo essere stato macinato, e nel calcestruzzo per gli edifici, da persone che non hanno tenuto conto del suo valore.

A causa del prelievo di una quantità così elevata, la sua rimozione è stata vietata da molti Paesi, e per questo sostituita con alternative. Quando ho iniziato a praticare l'hobby, la mia prima roccia viva proveniva dalle Hawaii ed era leggera e porosa a causa di alcuni scheletri di corallo e di vecchie rocce vulcaniche. La rimozione di questa roccia fu presto interrotta alla fine degli anni '80. Fortunatamente, all'epoca erano ancora disponibili rocce vive provenienti da Florida, Indonesia, Fiji e Tonga.

Le rocce vive provenienti dalla Florida divennero un'attività così redditizia che la prima roccia viva che acquistai da lì mi fu consegnata a mano in un autobus dotato di vasche e di pietre porose per la circolazione dell'aria che mantenevano in vita la roccia mentre l'autista risaliva la costa dalla Florida e consegnava la roccia viva alla mia porta. 

Il trasporto di rocce vive dalla Florida è cessato più di vent'anni fa e le rocce vive provenienti da altri Paesi hanno smesso di essere disponibili diversi anni fa. Le vere rocce vive provenienti dalla Florida sono state sostituite da rocce marine coltivate. Le rocce marine coltivate sono rocce di origine terrestre che vengono scaricate in aree vicine alle barriere coralline dove assumono alcune delle caratteristiche delle "rocce vive", in quanto vengono colonizzate da batteri e organismi bentonici.

Roccia viva ramificata originale di Tonga.


La funzione biologica delle rocce vive

Le rocce vive svolgono diverse funzioni critiche e benefiche in una vasca di barriera, la più importante di queste è quella di agire come meccanismo primario di filtrazione biologica. Poiché la maggior parte delle nostre vasche sono sistemi chiusi pieni di pesci e coralli, che hanno bisogno di essere nutriti. Questo cibo viene consumato, scomposto e rilasciato in qualche forma che rilascia ammoniaca, oppure non consumato e decomposto.

In ogni caso, questi prodotti di scarto devono essere scomposti e gli organismi all'interno e sulle rocce vive facilitano questo processo. Se sulla roccia sono presenti filtratori e altri consumatori, essi agiranno per consumare questi rifiuti e scomporli in particelle più piccole. Queste particelle più piccole si scompongono poi nei composti indesiderati di ammoniaca, nitriti e fosfati. I batteri presenti nella roccia convertono poi questi composti nel nitrato, meno tossico.

Il nitrato viene poi assimilato dalle alghe e dai batteri anaerobici o anossici presenti nella roccia, che lo trasformano in azoto gassoso che poi lascia l'acquario. Va notato che l'ammoniaca, pur essendo tossica per i pesci, è la forma di azoto preferita dai coralli. Pertanto, nelle prime fasi di un acquario di barriera, quando i coralli sono piccoli, la roccia viva sarà il principale consumatore di ammoniaca.

Roccia viva caraibica.

Con il tempo, man mano che i coralli crescono, consumano più ammoniaca e la roccia viva agisce sempre meno per rimuovere l'ammoniaca. La roccia viva è più efficiente di qualsiasi filtro meccanico o esterno nel rimuovere i rifiuti grazie alla sua enorme superficie ricoperta di batteri. È anche più efficiente nel ridurre i nitrati grazie alla presenza di spazi anaerobici e anossici all'interno della roccia, che per la maggior parte non si verificano in altri dispositivi di filtraggio.

Le rocce vive provenienti da diverse località della barriera corallina e da tutto il mondo contengono un'ampia varietà di forme di vita e rappresentano il modo migliore per introdurre in una vasca di barriera una vasta gamma di batteri e altri microrganismi e microfauna. Oltre ai batteri benefici, le rocce vive possono contribuire a introdurre in un sistema chiuso anche spugne, che ho trovato di importanza fondamentale, alghe coralline, filtratori, anfipodi, copepodi, vermi e altra microfauna. 

Tutti questi organismi contribuiscono a creare un sistema sano e alla qualità generale dell'acqua. Ecco perché iniziare con rocce vive di buona qualità si è rivelato così vantaggioso per la creazione di una vasca di barriera di successo. Per tutti i benefici che offre una vera roccia viva, se possibile, cercherei sempre di avviare una nuova vasca con essa.
Purtroppo, a causa della disponibilità, del costo e di altri fattori, non è sempre possibile avviare una vasca con vere rocce vive. Di conseguenza, sempre più hobbisti utilizzano rocce marine coltivate e rocce secche sintetiche o fabbricate come sostituto delle rocce vive o umide. Queste rocce sono disponibili in un'ampia varietà di forme, dimensioni e colori e per alcuni si sono rivelate un facsimile ragionevole.

Walt Smith Fiji roccia viva coltivata

Roccia secca

La roccia viva secca è disponibile in un'ampia varietà di materiali, tra cui ceramica, cemento e persino resine. Un altro tipo di roccia secca è costituita da rocce estratte dal terreno. Alcune di queste sono estratte da antiche barriere coralline e sono solo i vecchi scheletri di calcare di queste barriere. Alcune di queste rocce secche sono le rocce Marco, caribsea south seas rocks e dry base rocks, per citare solo alcuni dei tipi disponibili. Queste rocce secche sono disponibili in un'ampia varietà di forme e dimensioni, tra cui lastre, irregolari e planari  e alcune contengono anche i piccoli angoli e le fessure che sono così desiderabili nelle rocce vive.

Roccia estratta da una cava terrestre.

Come per la maggior parte delle cose in questo hobby, ci sono pro e contro nell'utilizzo di questa roccia, in base alla mia esperienza. Il più grande pro è che questa roccia è totalmente priva di parassiti, a differenza delle vere rocce vive. Quando la si usa, quindi, non c'è il rischio di introdurre autostoppisti indesiderati come lumache vermetide, anemoni aiptasia o majano, vermi eunice o qualsiasi altra miriade di parassiti che sono diventati prevalenti nelle nostre vasche. Inoltre, essendo estratta o prodotta, non richiede la rimozione di rocce vive dalla barriera corallina. Il che potrebbe essere migliore dal punto di vista ambientale. Inoltre, poiché è secco, la struttura che verrà inserita nella vasca può essere costruita prima di essere collocata nella vasca.

Questo include la cementazione o l’incollaggio dei pezzi e il loro indurimento prima di aggiungerli alla vasca. Inoltre, essendo asciutta, è possibile selezionare i pezzi desiderati anziché sperare che si incastrino tra loro, come avviene con le rocce vive bagnate. 

Nella mia esperienza personale, la possibilità di costruire una struttura di barriera corallina completa in 3D fuori dalla vasca e senza dover lavorare sott'acqua è l'aspetto più positivo dell'utilizzo di questa roccia. Ma, come già detto, ci sono anche dei contro nell'utilizzo di questa roccia. Se da un lato non si aggiungono parassiti, dall'altro l'uso di questa roccia preclude l'aggiunta di un'ampia varietà di vita utile, in particolare di batteri, che si ha quando si usa una roccia viva. Inoltre, secondo la mia esperienza, questa roccia richiede molto più tempo per essere "curata" rispetto alla roccia viva. Questo aspetto sarà discusso nel mio prossimo articolo.

Una nuova struttura di roccia asciutta in fase di allestimento su cui verranno fissati i coralli.

Infine, e questa è la mia opinione, questa roccia sembra più densa e "ingombrante" della roccia viva umida e, almeno per me, è stata inizialmente più difficile da lavorare. Può darsi che ciò sia dovuto al fatto che non ci ho lavorato tanto quanto la roccia viva umida, ma non sembrava produrre una struttura naturale come quella della roccia viva umida.

L'uso delle rocce vive è stato uno degli aspetti fondamentali dell'allevamento di barriera corallina fin dalla sua introduzione, quasi quarant'anni fa. Nel corso del tempo il suo utilizzo si è evoluto, passando dal prelievo esclusivo di vecchie rocce vive dalla barriera corallina all'estrazione da siti terrestri. Oggi è possibile avere vasche di successo con entrambi i tipi di roccia, a patto che le loro differenze siano gestite correttamente. Indipendentemente dalla scelta, l'obiettivo è che la roccia aiuti il filtraggio biologico e fornisca una struttura su cui prosperino coralli e altri organismi.

Articolo di Michael Paletta
Tradotto da Reef world


Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

3 - La triade: manteniamola stabile

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

Come fare aquascaping con l’acquario marino

L'importanza di nutrire i coralli

Come "curare" le rocce

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua