Zebrasoma flavescens

 

Credit web: https://www.animalspot.net/wp-content/uploads/2011/12/Yellow-Tang-Images.jpg



Famiglia:  Acanthuridae

Provenienza: Oceano Pacifico, Indiano, Hawaii 

Habitat: Reef

Dimensioni: In natura 20-25 cm, In cattività 10-15 cm

 

Pesce appartenente alla famiglia dei Acanthuridae, proveniente Oceano Pacifico centro-occidentale: Giappone, Taiwan, Filippine, Nuova Guinea, Nuova Caledonia, Isole Vanuatu, Isole Fiji, Isole Samoa, Isole Hawaii dove la maggior parte degli esemplari destinati al mercato acquariologico fino ad alcuni anni fa venivano catturati. 

Ora per un decreto governativo la cattura in mare è quasi del tutto vietata, ciò ha invogliato il settore dell'allevamento dei pesci ornamentali ad investire parecchio su diversi progetti di acquacoltura. Ad oggi sul mercato si possono reperire esemplari di allevamento e credo che la strada da percorrere per un acquariologia consapevole sia nella direzione giusta.

Pesce solitamente gregario ma lo si può scorgere anche in coppia; in natura vive nelle basse acque delle zone lagunari o a ridosso della scogliera del Reef ma si può trovare a profondità di oltre 60 metri alla ricerca di alghe. La livrea è di color giallo acceso, corpo discoidale e piatto,  la testa e di forma allungata, ha una piccola bocca situata nella parte inferiore del muso. Ha denti piccoli ma taglienti, adatti a strappare le alghe dalle rocce. 

Come tutti i pesci Chirurgo sulla pinna caudale presenta i classici “bisturi”, formazioni ossee molto taglienti utilizzate per difendersi dai rivali o dai predatori naturali.

Per l’allevamento in vasca sono necessari parametri dell’acqua di ottima qualità, in condizioni ottimali è un animale resistente alle malattie; soffre i valori di PH basso ed eccessive concentrazioni di nitrati e fosfati; ama un forte flusso. Convive con altri acanturidi preferibilmente di colore diverso.

In caso di sofferenza è soggetto agli attacchi dell'odinium e alle micosi della pelle. Soggetto a parassitosi intestinali e vermi.

Può essere allevato in vasche superiori ai 300 litri, con un adeguato spazio dedicato al nuoto e anfratti tra le rocce dove rifugiarsi.

Appena introdotto e nel periodo di acclimatamento, accetta il cibo con difficoltà ma una volta ambientato è onnivoro; si potrà somministrare mangime surgelato, artemia, chironomus, mysis, mangimi secchi e fogli di alga nori. Non disdegna vegetali come insalata o spinaci bolliti.

Come tutti gli Acanturidi è molto adatto ad una vasca con invertebrati e lo si può definire “reef safe”

La vita media se mantenuto in buone condizioni può raggiungere i quindici anni.




Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

3 - La triade: manteniamola stabile

Comprendere uno skimmer

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

come gestire la fase "brutta" di una vasca

L'importanza di nutrire i coralli

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO