Zebrasoma scopas

 

Credit web: https://it.aquaryus.com/photos/poissons/zebrasoma-scopas.jpg


Famiglia:  Acanthuridae

Provenienza: Oceano Indiano

Habitat: Reef

Dimensioni: In natura 30-40 cm, In cattività 20-25 cm

Pesce appartenente alla famiglia dei Acanthuridae, specie diffusa nelle acque tropicali dell’Oceano Indo-Pacifico: Africa orientale, comprese le isole Mascarene alle isole Tuamoto, nord e sud del Giappone, sud alle isole Lord Howe e RapaIn

In natura da giovane vive nelle basse acque delle zone lagunari o a ridosso della scogliera del Reef da adulto si può trovare fino a sessanta metri di profondità.

La livrea del corpo è marrone chiaro che sfuma in un nero-brunastro scuro vicino alla coda nera.; la testa è biancastra. Sono presenti linee appena visibili longitudinali puntiformi tendenti al verde chiaro che partono all'estremità delle branchie, diventando continue e poi nuovamente puntiformi vicino alla pinna caudale.

ha corpo allungato, compresso ai fianchi, e un profilo discoidale; ha occhi sporgenti, testa di forma allungata, una piccola bocca situata nella parte inferiore del muso con labbra carnose. Ha denti piccoli ma taglienti, adatti a strappare le alghe dalle rocce.

Come tutti i pesci Chirurgo sulla pinna caudale presenta i classici “bisturi”, di colore bianco; i bisturi sono formazioni ossee molto taglienti, utilizzate per difendersi dai rivali o dai predatori naturali.

Per l’allevamento in vasca sono necessari parametri dell’acqua di ottima qualità, in condizioni ottimali è un animale resistente alle malattie; soffre i valori di PH basso ed eccessive concentrazioni di nitrati e fosfati; ama un forte flusso.

È soggetto agli attacchi dell'odinium, alle micosi della pelle,  parassitosi intestinali e vermi.

Essendo un grande nuotatore necessita di vasche piuttosto grandi, può essere allevato in vasche superiori ai 300 litri, necessita di un adeguato spazio dedicato al nuoto e anfratti tra le rocce dove rifugiarsi.

Appena introdotto e nel periodo di acclimatamento, accetta il cibo con difficoltà ma una volta ambientato è onnivoro; si potrà somministrare mangime surgelato, artemia, chironomus, mysis, mangimi secchi e fogli di alga nori. Non disdegna vegetali come insalata o spinaci bolliti. Dopo un periodo di ambientazione ha un'indole abbastanza territoriale e solitaria. Come tutti gli Acanturidi è molto adatto ad una vasca con invertebrati e lo si può definire “reef safe”.


Commenti

Post più letti

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

4 - La triade: lo squilibrio ionico

3 - La triade: manteniamola stabile

Cianobatteri In Acquario marino

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Allevare con successo gli Acanturidi