Gestire la necrosi dei tessuti


Sebbene abbiamo fatto molta strada nel nostro hobby e abbiamo migliorato le nostre capacità di allevamento per mantenere i coralli in modo incommensurabile nelle ultime quattro decadi, abbiamo ancora molto da imparare, soprattutto nel campo delle malattie dei coralli. Avendo lavorato nella medicina umana durante questo periodo equivalente, ho visto un miglioramento drastico nella comprensione e nel trattamento di molte malattie durante questo periodo.

Sfortunatamente, non c'è stato un miglioramento equivalente per quanto riguarda la maggior parte delle malattie dei coralli. Come la maggior parte delle cose nel nostro hobby, molto di ciò che abbiamo imparato e stiamo ancora imparando è attraverso tentativi ed errori. Per sottolineare quanto poco conosciamo le malattie dei coralli quando si fa ricerca su questo argomento, ho scoperto che molte delle malattie che sperimentiamo con i nostri coralli sono state etichettate in modo aneddotico da noi, gli appassionati, piuttosto che dalla comunità scientifica. Un caso in questione è la necrosi dei tessuti, che è stata un problema in alcuni dei nostri coralli sin dai primi anni '90. Per la maggior parte di noi questa malattia, come suggerisce il nome, è quando il tessuto su un corallo sps si stacca dallo scheletro indipendentemente dal motivo. Ma anche questo non è corretto, poiché la necrosi dei tessuti differisce notevolmente a seconda che si tratti di necrosi dei tessuti rapida, RTN, o necrosi dei tessuti lenta, STN. Anche questi sono i nomi dati a questa malattia dagli hobbisti.

Un'Acropora con RTN

RTN e STN

La necrosi dei tessuti rapida è presente da quando i coralli SPS sono stati importati per la prima volta nel nostro hobby all'inizio degli anni '90 dalle Fiji. Durante questo periodo, quando era difficile ottenere coralli SPS di qualsiasi tipo, spesso acquistavamo coralli stressati a causa della spedizione e li aggiungevamo ai nostri acquari senza immergerli o metterli in quarantena in alcun modo. Dopo che questi coralli stressati sono stati introdotti nei nostri acquari, la necrosi dei tessuti rapida potrebbe verificarsi in tutto l'acquario poiché il tessuto morente di un corallo stressato si sposta su un corallo vicino e lo stressa, causando il distacco del suo tessuto e la necrosi. Fortunatamente, questo tipo di malattia non è così diffuso oggi grazie a ciò che ora sappiamo sulla limitazione dello stress e dell'instabilità dei nostri coralli. Sfortunatamente, una nuova malattia, e per me, un problema più insidioso, sotto forma di STN, è diventata più problematica. È così diffuso che conosco almeno 40 persone che l'hanno sperimentato nei loro acquari negli ultimi tre anni, inclusi alcuni appassionati incredibilmente di successo molti dei quali sono nel nostro hobby da alcuni decenni

Un'Acropora con STN.


A differenza di RTN, STN si manifesta quando un corallo, una colonia o un frag, inizia improvvisamente ma lentamente a sbiancare solitamente dalla base, e poi si insinua gradualmente nella colonia uccidendola. A differenza di RTN, il tessuto non sembra staccarsi dallo scheletro, ma sembra essere consumato da qualche organismo invisibile che lascia lo scheletro bianco sotto la linea di demarcazione. Questa malattia può verificarsi in praticamente qualsiasi acquario, anche quelli con condizioni apparentemente perfette e dove i coralli SPS prosperano. E può verificarsi su quasi tutti i tipi di coralli SPS, non solo Acropora, che sembra attaccare per prima. Nel mio acquario così come in pochi altri acquari di successo, il problema è sorto per la prima volta quando una colonia ha iniziato a sbiancare dalla base, e lo sbiancamento è stato lento, nell'arco di giorni o settimane, fino a consumare l'intera colonia o frag. Ovviamente i frag vengono consumati più rapidamente, ma non così rapidamente come nel caso di RTN. Alcuni di noi hanno immerso il pezzo danneggiato in tutto, dal perossido diluito , dall'hamamelis diluito o da un'immersione di iodio di Lugol diluito, che era uno dei bagni preferiti quando si verificava RTN. O come abbiamo fatto con RTN tagliavamo il corallo sopra la linea danneggiata e lo riposizionavamo, cosa che abbiamo fatto anche con i coralli infetti da RTN. A volte questo avrebbe fermato la progressione, almeno per un po', ma poi nel tempo, una settimana o un mese dopo, la progressione bianca sarebbe ricominciata uccidendo infine il corallo. Se abbiamo preso la drammatica decisione di rimuovere i coralli non appena questo è stato osservato, di solito avrebbe fermato il problema solo brevemente. Alla fine, in una settimana o un mese, lo stesso problema sarebbe emerso su un altro corallo. Purtroppo, se questo corallo veniva lasciato morire, o se fosse stato rimosso, il problema si sarebbe ripresentato e ha continuato a farlo per me e per molti dei miei amici, per oltre un anno.

La prima analisi del microbioma ha rivelato livelli insolitamente elevati di batteri Vibrio

Batteri patogeni

Avendo lavorato in malattie infettive per gran parte della mia carriera iniziale in medicina e dopo aver spiegato cosa stava succedendo con un paio di amici specialisti in malattie infettive, siamo giunti tutti alla conclusione che si trattava di un patogeno infettivo di qualche tipo. Leggendo la letteratura e parlando con altri appassionati, alcuni dei quali lavoravano in microbiologia, abbiamo concluso che fosse un ciliato o un batterio a causare il problema. Fortunatamente, in questo momento una società chiamata AquaBiomics ha iniziato a pubblicizzare che poteva guardare il carico batterico in un acquario e determinare se fossero presenti batteri buoni o patogeni. Avendo esaurito le idee e la pazienza ho inviato un test, ha richiesto quasi un mese per tornare, durante il quale ho continuato a perdere coralli allo stesso modo. I risultati concordavano con quello che mi aspettavo, il batterio patogeno, Vibrio, era il ceppo di batteri più dominante nel mio acquario ed era il colpevole più probabile per aver causato la STN nel mio acquario.

Lo straordinario carro armato da esposizione di ARC

Poiché sarebbe stato necessario trattare l'intero acquario, e non volevo uccidere tutto nell'acquario, ho iniziato con il trattamento più benigno di cui ho letto e ho trattato l'intero sistema, 600 galloni, con hamamelis e amoxicillina. Non sto dando la dose in quanto il trattamento ha fornito solo un sollievo minimo in quanto mentre la STN si è fermata, è stato solo per un mese prima che ricominciasse. Inutile dire che è stato frustrante, ma ero determinato a trovare qualcosa che funzionasse. Fortunatamente, subito dopo questo evento ho fatto un viaggio a Buffalo e sono andato a trovare i miei amici all'ARC, Randy e Devon. Durante la mia visita, abbiamo parlato di questo problema, poiché avevano visto lo stesso problema nel loro acquario così come negli acquari di alcuni dei loro clienti. Guardando il loro spettacolare acquario da esposizione, non potevo credere che avessero mai avuto problemi, ma mi hanno assicurato che li avevano. Nel parlare con altri appassionati erano venuti fuori con l'uso di Cipro (Ciprofloxacina), un antibiotico chinolone, per uccidere il Vibrio , che anche loro sospettavano di essere il patogeno nel loro acquario. La dose era di 500mg per 500 galloni (circa 1200 litri) ogni due giorni per 10 giorni. Ero scettico che questo avrebbe funzionato, ma poco dopo essere tornato a casa una grande colonia di A.spathulata stava mostrando segni di STN; quindi, l'ho rimosso e ho fatto un tuffo in una soluzione di Cipro alla dose raccomandata per tre ore. Ho quindi risciacquato la colonia e l'ho rimessa nell'acquario. Incredibilmente, la recessione si è fermata e non è più tornata.

Un corallo tabulare con STN non trattato

Ciprofloxacina

Purtroppo, nonostante questo successo, STN si è ancora presentato nell'acquario di tanto in tanto; quindi, ho dovuto continuare a rimuovere e immergere i coralli. Riconoscendo che questo era un'impresa da pazzi, ho deciso di trattare l'intero acquario con cipro alla dose raccomandata. Ho fatto questo trattamento per dieci giorni, ho tenuto accesi gli schiumatoi, ma ho rimosso il carbone e altri media e ho spento l'UV e l'ozono. Dopo dieci giorni, ho fatto due cambi d'acqua del 10% a distanza di tre giorni. Dopo i cambi d'acqua ho iniziato a dosare con diversi integratori batterici commerciali nella speranza di reintegrare i "batteri buoni". Durante i due trattamenti, ho fatto le seguenti osservazioni: l'ORP è passato da una media di 325- 350 a 210-225, il PO4 è passato da 0,08 a 0,61 e il nitrato è passato da 5 a 25. Chiaramente, qualcosa stava succedendo dal trattamento Cipro. Fine, durante il trattamento, l'alcalinità e il consumo di calcio sono diminuiti di almeno il 25%, ma al termine del trattamento circa una settimana dopo l'utilizzo è aumentato del 25% rispetto ai livelli di base. Dopo questo trattamento STN si è fermato per oltre quattro mesi e tutti i parametri dell'acquario sono tornati ai livelli di base nel mese successivo. Dovrei anche notare che durante tutto questo tempo, ho iniziato a inviare regolari test ICP e mentre per la maggior parte dei valori erano buoni, l'acquario sembrava sempre mancare di stronzio, nichel e iodio e fluoro, che sono stati collegati all'aiuto dei coralli a combattere le malattie; quindi, durante questo periodo ho iniziato a somministrarli regolarmente.

Un primo piano dei batteri patogeni all'interno del STN.


Durante questo periodo la crescita dei coralli è aumentata e la colorazione si è intensificata. Tuttavia, dopo tre mesi STN ha di nuovo fatto capolino e quando si è verificato sembrava uccidere i coralli un po' più velocemente. Inutile dire che ero ancora più frustrato. Quindi ancora una volta ho inviato un test batterico ad AquaBiomics e ho anche chiesto ai miei amici del laboratorio di microbiologia per eseguire dei test, e questa volta il risultato è stato diverso poiché Arcobacter, un altro possibile patogeno dei coralli, era dominante. Quando ho chiesto ai i miei medici di ID cosa pensassero che fosse successo, hanno detto che Arcobacter richiede una concentrazione molto più alta di cipro per essere ucciso rispetto a Vibrio; quindi, mentre la dose di cipro che ho usato era efficace per vibrio tutto ciò che aveva fatto era consentire ad Arcobacter di prosperare. Nel cercare possibili fonti di Arcobacter, poiché non è un patogeno comune, ho scoperto che può essere introdotto da alcuni alimenti per pesci. Riconoscendo che o avrei ucciso i batteri o alla fine avrebbe ucciso tutti i coralli, e attaccava tutti gli sps non solo Acropora, sono andato alla dose più alta di cipro che hanno raccomandato. In questo trattamento, ho usato 500mg/100galloni (circa 350 litri), che era cinque volte la dose iniziale. I parametri dell'acquario sono cambiati proprio come nella prima terapia e, come nella prima terapia, nessuno dei pesci, coralli o altri invertebrati ha mostrato alcun segno di disagio o danno. L'unico animale che non sembrava gradire questo trattamento è stata un'anemone a bolle rosa che è diventata nera durante il trattamento.

Un rapporto sui batteri dopo l'uso di antibiotici

Sono passati sei mesi da quel dosaggio e non ci sono stati segni di STN da questo trattamento. Dopo aver fatto di nuovo i cambi d'acqua, sono stati aggiunti additivi batterici di diverse aziende per sperare di reintegrare i batteri buoni. Si prega di notare, non sto raccomandando a nessuno di seguire quello che ho fatto, ma ero disperato perché queste infezioni batteriche avevano ucciso un numero significativo delle mie vecchie colonie così come molti nuovi frags. Quindi prima di fare qualsiasi cosa consiglio vivamente di fare sia test ICP che batteriologici per accertare meglio cosa potrebbe causare il problema. Mentre sono sicuro che alcuni potrebbero non essere d'accordo o disapprovare la mia metodologia l'ho fatto nella speranza di imparare e trattare una malattia di cui purtroppo sappiamo ancora.

Tradotto da Reef world
Articolo di Michael Paletta, pubblicato su REEF BUILDERS. 

Link articolo originale




Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

3 - La triade: manteniamola stabile

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

Come fare aquascaping con l’acquario marino

L'importanza di nutrire i coralli

Come "curare" le rocce

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua