Pseudanthias squamipinnis

Photo credit web: https://reefguide.org/pixhtml/pseudanthiassquamipinnis3.html

Nome scientifico: Pseudanthias squamipinnis (Peters, 1855)

Nome comune: Anthias

Classificazione: Regno: Animalia – Phylum: Chordata – Classe: Actinopterygii – Ordine: Perciformes – Famiglia: Serranidae – Sottofamiglia: Anthiinae – Genere: Pseudanthias – Specie: Pseudanthias squamipinnis (Peters, 1855)

Dimensioni: In natura 12 - 18 cm max. ; in cattività 8 - 10 cm max.

Zoogeografia: Oceano Indiano e nell'Oceano Pacifico occidentale: Grande Barriera Corallina, Nuova Guinea, Filippine, isole giapponesi meridionali, Nuova Caledonia, Isole Hawaii settentrionali, Madagascar,  Seychelles, Mauritius, Maldive, Mar Rosso.

Habitat: Gli Anthias abitano prevalentemente sui pendii delle barriere coralline e nei reef, solitamente si trovano a profondità comprese tra i 10 ei 100 metri. formano banchi molto numerosi sugli affioramenti corallini e sui pendii più profondi. Un singolo maschio pattuglia un territorio, monitorando l'harem delle femmine senza allontanarsi troppo dai coralli ramificati, quando attaccati dai predatori hanno a disposizione un nascondiglio sicuro.

Parametri dell'acqua:  Valori medi In naturaTemperatura 24.5° / 29°C - Densità 1022/1024 - PH 8,4; In Acquario: Temperatura 24°/28°C - Densità 1022 / 1026 - PH 7 - 8,5.

Descrizione:  ha un corpo ovoidale, allungato e compresso lateralmente; il dorso è molto arcuato, testa relativamente piccola,  bocca con piccoli denti; la linea laterale, molto incurvata con in peduncolo caudale grande e ben distinto. La forma delle pinne e la livrea variano molto tra gli esemplari di sesso femminile e maschile; i maschi hanno una livrea molto colorata, è di un di un color giallo rosato con  sfumature di blu brillante, viola intenso. Le sue pinne sono molto più accentuate rispetto a quella delle femmine. Le femmine presentano una livrea più sobria rispetto ai maschi. Hanno colori meno sgargianti, con tonalità più tenui di rosa, arancione o giallo pallido. dall'occhio partono due corte righe discendenti, di color arancione quella superiore e di color turchese quella inferiore; l'aspettativa di vita si aggira intorno ai 5-6 anni.

Allevamento: Questo serranide è di indole pacifica a patto che in vasca si allevi un solo maschio; adatto alla convivenza con quasi tutti i pesci di barriera di altre razze perché non aggressivi. Sono molto attivi e un piccolo branco di sei/otto esemplari necessita di una vasca superiore a 500L. indispensabili sono gli spazi nuoto con un intenso flusso d'acqua, meglio se variabile e proveniente da diverse direzioni. Durante il fotoperiodo se l'illuminazione è troppo intensa non sarà raro trovarli in zone di penombra, non amano la luce troppo forte utilizzata per l'allevamento degli SPS, per questo la vasca necessita anche di anfratti e nascondigli. È inoltre necessario investire in uno schiumatoio performante, questo aiuterà a mantenere la qualità dell'acqua con valori di nitrati e fosfati bassi, altrimenti questi pesci tenderanno ad assumere una colorazione tendente al grigio. Il trasporto e l'acclimatamento sono le fasi più critiche dell''introduzione in vasca; si stressano molto in questa fase, quindi sarà necessario utilizzare un sistema di acclimatazione goccia a goccia prima della sua introduzione meglio se si è in possesso di una vasca di quarantena. Appena introdotto e nel periodo di acclimatamento, accetta il cibo con difficoltà andranno somministrati alimenti proteici di qualità come artemia, mysis e rotiferi congelati o vivi per tentare il loro appetito. Una volta ambientati, si alimenteranno anche con mangimi secchi a base proteica in pellet, fiocchi e granuli; andranno nutriti almeno 3-4 volte al giorno per soddisfare il loro elevato fabbisogno metabolico (essendo sempre attivi, bruciano molte calorie). Un paio di pasti non sono sufficienti, caleranno di peso e inizieranno a stressarsi. Se l'intensità di colorazione tenderà ad impallidirsi è un segnale di carenza di proteine e carotenoidi.

Riproduzione: In natura la deposizione delle uova avviene per via pelagica. Nelle prime ore della sera, le coppie rilasciano i gameti nella corrente oceanica. Il maschio si esibisce in uno danza di corteggiamento, attirando l'attenzione della femmina, che poi lo insegue verso la superficie dove vengono rilasciati gli spermatozoi e le uova. Le uova rimangono nella corrente per un periodo che va dalle 20 ore ai tre giorni. Non appena gli avannotti si schiudono, sono in grado di nutrirsi con le proprie uova; in seguito, dopo aver raggiunto la dimensione di circa mezzo centimetro andranno a rifugiarsi tra le madrepore del reef. Ad oggi non si conoscono casi riproduzioni in cattività con l'allevamento degli avannotti con successo.

Curiosità: Gli anthias sono ermafroditi protogini, ciò significa che tutti i pesci nascono femmine. Il pesce dominante del gruppo diventa poi maschio. Il cambiamento di sesso può avvenire in poche settimane. Questo porta a una complessa battaglia sociale all'interno del branco.

Per la difficoltà di acclimatamento ed alimentazione, è consigliato solo ad acquariofili esperti.

 


Livello di nuoto:                  Alto
Compatibilità con i coralli:  Reef Safe
Aggressività:                      Bassa
Difficoltà di allevamento:    Alta
 

Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

3 - La triade: manteniamola stabile

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

Come fare aquascaping con l’acquario marino

L'importanza di nutrire i coralli

Come "curare" le rocce

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua