Le corna di cervo di Bauhinia

 Un breve tour delle specie di Acropora nella selvaggia Hong Kong

Photo credit web ©
Quando qualcuno parla di Hong Kong, molto probabilmente la assoceremo ai grattacieli sorprendenti, agli scenari notturni, alla vivace vita cittadina, nonché alle sue diverse persone e culture. Ma questa piccola città nascosta sulla costa della Cina meridionale nasconde anche qualcosa di altrettanto mozzafiato e vario. Avete indovinato, si tratta di un ecosistema marino, che brulica lungo la sua costa tortuosa e le 263 isole del suo territorio.
Oltre a oltre 1000 specie di pesci marini e innumerevoli specie di invertebrati marini, Hong Kong ha in realtà più di 80 specie confermate di coralli duri e decine di ottocoralli, coralli neri e zoantidi unici. Hong Kong è una città sovrappopolata situata proprio accanto al delta del fiume Pearl, essenzialmente un gigantesco estuario. Ciò si traduce in salinità instabile e acqua estremamente torbida soprattutto a ovest. Oltre a ciò, anche l'inverno a Hong Kong può essere molto freddo, a volte la temperatura dell'acqua può scendere fino a 12-13°C/53-55F, e durante i mesi estivi la temperatura dell'acqua può salire fino a circa 30°C.  °C/86F.
È pazzesco, ma spiega perché Hong Kong non ha “barriere coralline” poiché non può supportare pienamente la crescita dei coralli su tale scala. Sono invece presenti comunità coralline sparse in tutto l'est, che creano habitat piuttosto interessanti. Probabilmente uno dei fatti più sorprendenti è che, essendo la città così piccola, gli habitat dei coralli e le nostre case sono così vicini l'uno all'altro, e spesso un breve viaggio in autobus potrebbe portarci da loro. In altre parole, questi meravigliosi animali sono letteralmente sotto il nostro naso. Ora parliamo di coralli!

Le Acropore di Hong Kong

Il Dipartimento di Agricoltura, Pesca e Conservazione (AFCD) ha avviato uno studio dettagliato per indagare sulla diversità dei coralli di Hong Kong all'inizio degli anni 2000. Si è concluso che Hong Kong ha oltre 80 specie confermate di coralli duri, cinque delle quali appartengono al genere Acropora. Per un appassionato come te e me, è davvero sorprendente sapere che, nonostante Hong Kong abbia condizioni così difficili, i coralli, in particolare Acropora, che hanno la reputazione di essere i coralli più difficili da allevare, siano riusciti a prosperare più o meno qui. Ecco le cinque specie Acro di Hong Kong.

Acropora digitifera

Photo credit web © - Acropora digitifera a Sharp Island, Hong Kong.

Questa specie di Acropora può essere trovata in parti piuttosto superficiali e riparate a circa 2 m/6' di profondità, dove formano grandi colonie che hanno un modello di crescita digitato. A Hong Kong, le colonie di A. digitifera si presentano generalmente in 3-4 colori, quello verdastro nelle foto, uno bruno-rossastro e uno con una tonalità bluastra scura. Tutti hanno coralliti assiali e punte di crescita che vanno dal bianco all'arancione. Nell'istinto di reefer, questi mi hanno davvero ricordato le specie Acro esigenti in commercio come A. spathulata.

Photo credit web © - Grandi colonie di A. digitifera trovate a circa 3 m/10′ di profondità.

In alcuni luoghi, l'A. digitifera può apparire sotto forma di minuscole colonie con solo una manciata di rami che giacciono direttamente sulla sabbia, ma ci sono alcune aree che hanno comunità con colonie assolutamente enormi, strettamente addossate le une alle altre. La foto sopra rappresenta circa 1/12 dell'intera "comunità" di alcune grandi colonie della stessa specie. In natura gli Acro forniscono cibo e riparo a molte specie marine. Nei mesi estivi è facile trovare pesci farfalla, più comunemente il Pesce farfalla specchiato ( Chaetodon speculum), di tutte le dimensioni, ma anche giovani di Castagnole reticolate ( Dascyllus reticulatus ) e perfino i ghiozzi dei coralli nascosti tra i rami. Poiché questa specie assomiglia ad Acropora tumida, A. digitifera è stata identificata erroneamente da studi più vecchi a Hong Kong come A. tumida . Tuttavia, A. digitifera ha un modello di crescita più digitato e ha rami affusolati, diversi da A. tumida.

Acropora solitaryensis

Photo credit web © - Una piccola colonia di A. solitaryensis trovata a 7 m/22′ di profondità al largo dell'isola di Trio, Hong Kong. Su un grande masso accanto ad una grande colonia di Una piccola colonia di A. solitaryensis trovata a 7 m/22′ di profondità al largo dell'isola di Trio, Hong Kong. Su un grande masso accanto ad una grande colonia di Acanthastrea.

Una delle specie più singolari di Acropora trovata a Hong Kong, e facilmente distinguibile dalle altre quattro, perché A. solitaryensis ha un modello di crescita a placche distinto, a volte se la guardi da lontano la confonderesti con una Montipora. Alcune colonie sembrano così piatte con i rami basali fusi tra loro, e i rami possono essere così corti che a volte contengono solo “gemme” con il corallite assiale e alcuni coralliti radiali, formando letteralmente un tavolo. In alcuni casi, quando esploro le barriere coralline, ci sono alcune colonie di A. solitaryensis che sono quasi interamente incrostanti e hanno solo pochi coralliti assiali appena percettibili attorno al centro.


Photo credit web © - Colonia con rami molto corti e rami basali tutti fusi tra loro. Questo è stato trovato in cima alla struttura di un blocco di diga e qui il flusso è estremamente elevato.

Photo credit web © - Foto ingrandita della colonia sopra.

Non c’è da stupirsi che alcuni li chiamino “corallo da tavola”. Invece di comunità coralline sabbiose e riparate, sono generalmente limitate alle acque “aperte” al largo delle isole periferiche, su massi esposti e blocchi di dighe sommerse che hanno molto flusso, a volte così forte che i subacquei devono aggrapparsi alle rocce per evitare essere trascinato via dalla corrente. Basti dire che questi coralli hanno davvero bisogno di una tonnellata di flusso che tali ambienti sarebbero molto difficili da replicare nei nostri acquari domestici.
Essendo raro nelle comunità coralline a differenza degli altri, l'A. solitaryensis a Hong Kong appare per lo più in colonie medio-piccole, sparse attorno alle scogliere rocciose. Per quanto riguarda i colori, hanno sempre lo stesso tono brunastro e grigio con coralliti assiali e apici di crescita biancastri, e i polipi condividono lo stesso colore con il cenosarco. Ci spinge sempre a pensare a come apparirebbero sotto l'illuminazione dell'acquario di barriera. Per qualche ragione, i granchi guardia vengono solitamente osservati vivere in queste colonie. Il nome cinese di questa specie si traduce come "solitario" o "individualmente".

Photo credit web © - Un granchio guardiano che vive in una colonia di A. solitaryensis.

Acropora pruinosa

Photo credit web © A. pruinosa trovata a Tung Ping Chau, una piccola isola nel nord che è più vicina alla Cina continentale che a Hong Kong.

In cinese, il nome di questa specie si traduce come “corallo staghorn delle nevi”, presumibilmente in riferimento ai suoi polipi bianchi piuttosto iconici che si distinguevano dagli altri. A Hong Kong, generalmente c'è un modello di colore marrone e verde, e tutti hanno polipi bianchi e coralliti assiali giallastri. Rispetto ad altre specie di Hong Kong, A. pruinosa ha generalmente rami più sottili con rami secondari che si ramificano da quelli più spessi. È interessante notare che questa specie può presentarsi in una varietà di modelli di crescita a seconda dell'ambiente in cui si trova la colonia. Come questa, alcune colonie possono crescere secondo un modello di crescita arborescente simile ad un albero e in alcuni casi possono essere piantate, ma non ho ancora per trovarne uno.

Photo credit web © - A. pruinosa verde a Hong Kong (foto fornita da Al Yiu)

Colonie stabili di Acropora pruinosa possono essere trovate in scogliere poco profonde e riparate, soprattutto nel nord-est di Hong Kong. Tieni presente che la foto della colonia non è stata scattata solo con una piccola luce video perché non ce n'è bisogno. Questa colonia si trova a circa 2 m/6′ di profondità e riceve molta luce solare e flusso durante il giorno. Riflette l’enorme quantità di luce necessaria per far crescere coralli come questi. Secondo me questa specie sarebbe un pezzo straordinario in un acquario di barriera corallina dominato da SPS a causa dei suoi polipi bianchi, mi chiedo di che colore sarebbero i polipi se messi sotto l'illuminazione dell'acquario di barriera corallina.

Acropora tumida

Photo credit web © - A, tumida . Trovato a circa 4-5 m di profondità, lontano dalla comunità corallina, presenta invece colonie sciolte di piccole e medie dimensioni sparse in una zona sabbiosa con ciottoli e macerie.

Una specie piuttosto insolita di Acropora qui a Hong Kong, si trova in comunità coralline poco profonde come fanno gli altri, tuttavia ogni volta che ne vedo una, sembra che siano in colonie sciolte di piccole e medie dimensioni sparse su una distesa di sabbia, o in singole colonie senza nessun altro del genere in vista in tutta la zona. A. tumida può sembrare avere un modello di crescita digitato, ma se osservato attentamente ha in realtà un affascinante modello di crescita da arborescente a cespito-corimboso. I rami hanno spesso rami secondari.
Photo credit web © - Una piccola colonia solitaria di A. tumida accanto ad una piccola colonia di Porites.

Questa specie sembra avere un colore simile ad A. digitifera , riprendendo la tipica colorazione marrone e verde scuro, con gli stessi coralliti assiali dal bianco al giallo. Nonostante il suo aspetto piuttosto noioso alla luce del sole, la località tipo di questa specie è in realtà qui a Hong Kong.

Acropora glauca


Photo credit web © - A. glauca con modello di crescita a placche (Foto di Al Yiu)

Devo ancora vedere questa specie di persona, ma sicuramente sembra strana. Ad Hong Kong. A. glauca ha principalmente due diversi modelli di crescita e sembrano così diversi che possono sembrare due specie completamente differenti ad un occhio inesperto. Probabilmente i più comuni sono quelli tabulari che hanno rami più lunghi e fusi e coralliti assiali più piccoli che crescono quasi orizzontalmente, così come un altro con un modello di crescita corimboso, rami corti ma coralliti assiali insolitamente grandi.
Questi modelli di crescita e "morfologie" dipendono dalla parte dell'habitat in cui vive il corallo e, secondo le fonti, il primo tende a trovarsi nelle comunità coralline più profonde che sono più esposte, presumibilmente nelle aree più rocciose invece che nelle aree sabbiose. Analogamente ad A. pruinosa, questa specie presenta polipi bianchi. È possibile che, sotto l'illuminazione di un acquario di barriera corallina, l'A. glauca di Hong Kong sia qualcosa di simile all'assolutamente sorprendente Acropora glauca Solar Flare dell'Australia?

Difficoltà nel reperire informazioni

Photo credit web © -“Field Guide to Hard Corals of Hong Kong” pubblicata da AFCD nel 2005

Durante la ricerca per questo articolo, ho utilizzato due risorse principali. Come accennato all'inizio di questo articolo, le autorità locali hanno collaborato con le università locali e un gruppo di scienziati del corallo e hanno lanciato uno studio dettagliato sui coralli duri di Hong Kong all'inizio degli anni 2000. Successivamente è stato pubblicato un libro nel 2005: “Field Guide to Hard Corals of Hong Kong”, una guida illustrata sulle specie di coralli duri di Hong Kong. Su cui sono riuscito a mettere le mani l'anno scorso e l'ho usato per fare ricerche per questo articolo. L'altra fonte che sto utilizzando è l'Hong Kong Biodiversity Information Hub (HKBIH), nella sua pagina sui coralli c'è un database delle specie contenente tutte le specie di coralli duri di Hong Kong e informazioni relativamente dettagliate su di esse.

Photo credit web © -https://bih.gov.hk/en/species-database/index.html?taxon_group_id=3&page=1&order_by=


Data la natura della tassonomia dei coralli, la frase “tutto è soggetto a cambiamenti” è un eufemismo. Non per dare la colpa a nessuno, ma i dati che abbiamo a disposizione vanno dall’inizio alla metà degli anni 2000, e da oggi c’è un divario di quasi 20 anni. È del tutto possibile che molto di questi coralli possa essere cambiato nel corso degli anni. Ed essendo solo un reefer quotidiano, nella migliore delle ipotesi un appassionato studente universitario di scienze marine, con risorse limitate, queste sono di gran lunga le informazioni più affidabili e accurate su cui ho potuto mettere le mani.
Essendo originario di Hong Kong e reefer, è ancora strabiliante sapere che, nonostante gli ambienti marini così spietati, l'Acropora, un corallo noto per essere estremamente bisognoso e notoriamente sensibile al cambiamento, possa ancora trovare il modo di vivere e prosperare letteralmente proprio sotto i nostri nasi. È semplicemente fantastico. Ricordandoci inoltre che vale la pena esplorare queste meravigliose creature, anche se con rispetto e responsabilità. Buon reefing gente~

Informazioni sull’autore

Chelmon Leung è un acquariofilo di barriera e un subacqueo ricreativo con sede a Hong Kong. Attualmente sta studiando in Australia per una laurea in Scienze Marine. Ha iniziato a passare dagli acquari d'acqua dolce agli acquari d'acqua salata e di barriera alla fine degli anni della scuola secondaria e ora è un principiante avanzato fino ad un hobbista di livello intermedio. Ha anche iniziato a fare immersioni subacquee nel 2023 a causa del suo interesse per la vita marina, in particolare per l'ecosistema marino della sua città natale. Ha un interesse morboso per i coralli stravaganti, i pesci strani e altri animali d'acquario meno conosciuti. Ha una pagina Instagram dedicata a questi argomenti. Ha una passione immortale e un ottimismo estremo quando si tratta di esplorare i suoi argomenti preferiti.

Di seguito lasciamo il link all’articolo originale pubblicato su Reef Builders:


Articolo Tradotto da Reef World APS.

Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

3 - La triade: manteniamola stabile

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

L'importanza di nutrire i coralli

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO