I deodoranti per ambienti fanno bene o male all'acquario domestico?

 

Photo Credit web ©

Lascia che ti racconti una storia. Lo studio di un dentista aveva una bellissima vasca di barriera piena di Lps (parancora e torch), che rimase in salute per anni finché un nuovo dipendente non mise nello studio una candela profumata alla vaniglia. La vasca non venne controllata per svariati giorni dal tecnico professionista per la manutenzione, ma alla successiva manutenzione notò le pessime condizioni dei coralli. Il professionista accorgendosi della candela nei pressi della vasca, la rimosse immediatamente e posizionò un filtro a carbone in linea con l'aspirazione dello schiumatoio. Per diverse settimane, la vasca venne monitorata notando una lenta ripresa dei coralli. 

In passato c'è stata una costante controversia e confusione quando si dibatteva di candele profumate e deodoranti artificiali, in particolare quelli elettrici collegati alla persa per aiutare a disperdere i profumi per tutta la casa, questi rappresentano un elevato rischio per i nostri ambienti acquatici. Credo che questo sia uno dei maggiori problemi che devono affrontare i tecnici professionisti della manutenzione domestica per le vasche di barriera. In questo articolo spiegherò di come i deodoranti per ambienti e altri potenziali contaminanti siano dannosi per la nostra capacità di controllare la stabilità dei nostri acquari.


Photo Credit web ©

Ingredienti

Diamo un'occhiata all'ingrediente principale nella maggior parte delle formule commerciali di deodoranti per ambienti disponibili al pubblico. Il glicole dipropilenico è solubile in acqua, il che significa che può facilmente dissolversi in acqua. Nell'ambiente acquatico si decompone in glicole propilenico e glicole etilenico, che fungono da nutrienti per le popolazioni batteriche. Secondo Hydratech, “A concentrazioni di glicole molto basse, ad esempio inferiori all’1%, sia il glicole etilenico che quello propilenico agiscono come nutriente per i batteri. A queste concentrazioni, i batteri biodegraderanno il glicole propilenico provocando una rapida crescita della contaminazione batterica”.  

Successivamente, diamo un'occhiata a un paio di schede tecniche sulla sicurezza dei materiali (MSDS) dei prodotti per determinare se possono essere considerati sicuri per i nostri acquari. La scheda di sicurezza fornisce informazioni sullo stoccaggio, la manipolazione e lo smaltimento di una determinata sostanza chimica. Esaminerò due marchi che ho incontrato frequentemente nel corso degli anni e confronterò alcune delle informazioni rilevanti nelle loro schede tecniche. 

Scentsy – I prodotti di questa azienda sono dotati di un ampio elenco di avvertenze. Ecco alcuni punti salienti dell'elenco per Scentsy® F27481: "Liquido combustibile, provoca lieve irritazione cutanea, può provocare una reazione allergica cutanea, provoca grave irritazione oculare, nocivo per la vita acquatica."

Airwick – Ho trovato un elenco degli ingredienti ed è piuttosto esteso. Cinnamaldeide, glicole dipropilenico, eugenolo, estere etereo, acetato di butile e molti altri prodotti chimici. La maggior parte, se non tutti, sono elencati come “profumi chimici” nei fogli MSDS. Ho guardato la scheda di sicurezza dell'etilvanillina, ad esempio, e sono rimasto sorpreso di trovare a pagina otto: "Nocivo per la vita acquatica con effetti di lunga durata".

 

Photo Credit web ©

Gli effetti dei deodoranti per ambienti su un acquario sono talvolta lievi e altre volte drammatici. I segni di contaminazione includono epidemie di diatomee e dinoflagellati di cianobatteri, sovrapproduzione di schiumatoi di proteine e alghe simili a pellicole su rocce e sabbia. Altri effetti più drammatici sono le specie di Euphyllia che non si aprono completamente e la Montipora e altri coralli incrostanti che sbiadiscono di colore, nonostante i parametri dell’acqua siano entro i limiti.

Gli effetti di queste sostanze chimiche sulle popolazioni batteriche/microalgali e l’impatto sulle concentrazioni di ossigeno disciolto sono due motivi per cui sono problematici. Uno è attraverso un cambiamento di pH. Il pH sarà influenzato per una serie di motivi. Innanzitutto, con l’aggiunta della popolazione batterica, l’acido carbonico dovuto alla respirazione sopprimerà il pH e potrà diminuire i livelli di ossigeno disciolto. Due, la rottura del propilene e dell'etilene forma direttamente più acidi, vale a dire acido lattico e piruvico, e sopprimerà ulteriormente il pH diminuendo il contenuto di ioni idrogeno. Nel complesso, la decomposizione di questi prodotti nei nostri acquari interferisce in modo significativo con il processo biologico e chimico che cerchiamo di comprendere e, in definitiva, di manipolare per soddisfare le esigenze dei nostri acquari. L’obiettivo è la stabilità e gli effetti di queste sostanze chimiche disturbano tale stabilità. I nostri animali sono troppo importanti per noi per correre questo tipo di rischio.

Quando i parametri dell'acqua rientrano nell'intervallo consentito ma qualcosa non va in alcuni degli abitanti dell'acquario, controlla la situazione del deodorante per ambienti e delle candele. Se utilizzi uno schiumatoio di proteine, è qui che le sostanze chimiche entrano più facilmente nel serbatoio. L'aspirazione dello schiumatoio aspira costantemente aria dall'ambiente esterno. Una volta che colpisce la girante e viene spinto nel corpo dello schiumatoio, i componenti solubili dell'aria reagiscono con l'aria e vengono iniettati nell'acquario. Ho notato una notevole schiuma negli acquari di case con un deodorante per ambienti vicino all'acquario. In queste situazioni, il pH diminuisce e diventa più difficile aumentarlo utilizzando metodi di dosaggio adeguati.


Photo Credit web ©

Tuttavia, una volta rimossa la fonte di contaminazione, effettuato il cambio dell’acqua e aggiunto il carbonio, le condizioni iniziano a migliorare entro cinque-sette giorni. Consiglierei un pH-metro e la rimozione di tutte le candele profumate, deodoranti per ambienti, prodotti per la pulizia profumati e qualsiasi altro materiale che produce odori dalla vostra casa. I cianobatteri indesiderati e altre creature indesiderabili come le diatomee e i dinoflagellati si cibano di questi sottoprodotti chimici e proliferano negli ambienti, anche a concentrazioni estremamente basse, come menzionato sopra.

 In conclusione, credo che ci siano prove considerevoli che dimostrano che le sostanze chimiche profumate e il modo in cui si decompongono nell'acquario sono dannose per l'equilibrio chimico e biologico dell'acquario. Sono già molte le variabili da considerare quando si gestisce l’ecologia di un acquario di barriera. L’aggiunta di contaminanti chimici atmosferici è una ricetta per il disastro. Si consiglia di eliminare questo potenziale problema all'inizio.

Informazioni sull’autore


Daniel Calvo ha iniziato ad allevare acquari nel 1993 e ha avviato il suo primo acquario di barriera nel 1997. Dan ha studiato biologia marina alla Roger Williams University. Per il suo impiego da studente, manteneva gli acquari presso la Audubon Society. Ha continuato a lavorare nella professione di acquariofilo come acquariofilo e imprenditore. Dan è impegnato nella sostenibilità dell'hobby dell'acquario e nella conservazione degli animali selvatici e salvati.

Di seguito lasciamo il link all’articolo originale pubblicato su Reef Builders:


Articolo Tradotto da Reef World APS.

Commenti

Post più letti

Cianobatteri In Acquario marino

Comprendere uno skimmer

come gestire la fase "brutta" di una vasca

3 - La triade: manteniamola stabile

La squadra di pulizia e il suo ruolo nell'acquario di barriera corallina

L'importanza di nutrire i coralli

Come fare aquascaping con l’acquario marino

Come "curare" le rocce

Quello che devi sapere sui cambi d'acqua

L’IMPORTANZA DEI BATTERI IN ACQUARIO MARINO